Harald Szeemann. Il Pensatore Selvaggio

Lucrezia De Domizio Durini

  • Pubblicazione: 11 aprile 2019
  • Pagine: 320
  • Illustrazioni: in b/n
  • Formato: 16,5x24
  • ISBN: 9788838101304
  • Prefazione: Lucrezia De Domizio Durini; Manuele Bertoli
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 32,00
    - Sconto 15%: € 27,20
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Harald Szeemann (1933-2005) è stato uno tra i più coerenti pensatori dell’arte contemporanea mondiale del secondo dopoguerra. Critico dell’intensità, profondo conoscitore della storia dell’arte, per l’intera sua vita ha realizzato mostre caratterizzate da un forte impegno di ricerca cambiando la storiografia e i sistemi della metodologia critica ed espositiva internazionale. Amava les finesses della cultura, come lui soleva definire le ricerche minime di analisi comparata, che mirabilmente innescava nelle sue atipiche mostre.

Dalle Documenta di Kassel alle varie Biennali, dalla famosa ricostruzione di Monte Verità ad Ascona alle memorabili mostre delle Macchine Celibi, da Joseph Beuys a Duchamp e ancora… la sua idea di Visionario si concretizza sempre e comunque nel suo Museo delle Ossessioni, dove il tutto è il nulla, il possibile è l’impossibile, le esperienze, l’intuizione, il coraggio e l’immaginazione lo conducono costantemente a un agire destabilizzante di fronte ai modelli imposti dai sistemi di potere.

Soleva autodefinirsi Curatore Indipendente. Le Biennali di Venezia del 1999, a chiusura di un secolo, e del 2001, ad apertura del terzo millennio, resteranno nella storia dell’arte contemporanea come il segno tangibile di un intellettuale «super partes» che, accollandosi totalmente le complesse responsabilità assegnategli dalle istituzioni, anticipa e insegna i tempi dell’arte e della socialità dell’arte.

Leggi tutto